Separarsi o divorziare rapidamente con la negoziazione assistita.

Il D.L. 132/2014 (convertito nella L. 162/2014) ha introdotto l’istituto della Negoziazione Assistita, un modo rapido per la risoluzione in forma stragiudiziale delle controversie. In poche parole la Negoziazione è un procedimento che non comporta il coinvolgimento dei giudici e che porta in tempi abbastanza veloci alla risoluzione bonaria di contrasti e questioni giuridiche.

Il Decreto (così detto Decreto Giustizia) prevede l’applicabilità della nuova procedura anche alle spearazioni ed ai divorzi.

I coniugi hanno pertanto la possibilità di separarsi o di divorziare senza passare per l’aula del Tribunale.

Perchè sia possibile separarsi o divorziare rapidamente con la Negoziazione Assistita è necessario che i coniugi siano rappresentati ciascuno dal proprio avvocato e chiaramente è necessario che riescano a raggiungere un accordo.

Il tempo  per arrivare all’accordo è di 90 giorni (eventualmente prorogabili di altri 30 giorni) dal momentoin cui una delle parti invita l’altra alla Negoziazione. Eco quindi che, sempre che si pervenga ad un accordo, è possibile ottenere la separazione o il divorzio al massimo in tre mesi e senza doversi trovare avanti ad un giudice del Tribunale.

Ricordiamo infatti che, secondo la procedura  tradizionale di separazione consensuale o divorzio congiunto, viene depositato un ricorso presso il Tribunale competente, a cui segue la fissazione dell’udienza presidenziale. Dopo di essa si otterrà o l’omologa della separazione o la sentenza di divorzio. In questi casi le parti possono anche essere assistite dallo stesso avvocato, ma i tempi sono decisamente lunghi, specie se competente è un Tribunale di una grande città, come Roma, dove per la fissazione dell’udienza trascorrono in genere circa tre mesi. Pertanto, unendo il tempo necessario per arrivare ad un accordo, il tempo necessario per il deposito del ricorso in Tribunale e quello per la fissazione della udienza e per la omologa o la sentenza,  potrebbero trascorrere anche più di sei mesi prima di avere in mano il verbale di separazione o la sentenza di divorzio. Per non parlare poi dei tempi impiegati dal comune per l’annotazione.

I vantaggi della Negoziazione sono pertanto evidenti, soprattutto perchè con tale procedura la separazione o il divorzio diventano davvero rapidissimi. Se le parti raggiungono velocementemente l’accordo, infatti, è possibile separarsi o divorziare nell’arco di un mese o anche meno.

Non ci addentriamo qui nei particolari tecnici della procedura, l’importante è sapere che per separarsi o divorziare attraverso la negoziazione assistita è necessario che ciascuna delle parti si rivolga al proprio avvocato ed ovviamente che sia raggiunto un accordo.

Una volta redatto l’accordo di Negoziazione Assistita (ad opera degli avvocati), questo insieme ad altri documenti, verrà depositato presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale Competente, che darà il nulla osta o l’autorizzazione (questa in presenza di figli minori o economicamente non autonomi) in genere in tempi brevissimi (circa una settimana). A quel punto l’accordo con il nulla osta o l’autorizzazione verrà trasmesso (dagli avvocati), entro il termine di dieci giorni, all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune ove è stato celebrato il matrimonio per l’annotazione.

Roma, 2/12/2017

@diritti di riproduzione riservati